Educazione sessuale ed emotiva

L’educazione alla fisiologia, all’affettività, all’emotività, alla prevenzione, alla salute ed al
benessere e a tutto ciò che riguarda la sessualità non ha età, perché lo sviluppo della sessualità è
un processo continuo lungo tutto l’arco di vita. Destinatari di un progetto di educazione sessuale
possono essere, in particolare :

Bambini delle scuole primarie: per imparare a rispettare il proprio corpo e quello
dell’altro, a riconoscere ed allontanarsi dalle situazioni di disagio o eccessiva vicinanza, a
leggere la propria emotività, comprendere le differenze di genere ed orientamento.

Adolescenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado: per parlare di sessualità,
sentimenti, differenze di genere ed orientamento senza vergogna ed imbarazzo,
comprendere i cambiamenti fisici e psicologici di quest’età, vivere serenamente le
relazioni nel rispetto del corpo e dell’affettività propria e dell’altro, imparare a prendersi
cura della salute, prevenire le malattie a trasmissione sessuale.

Adulti: per ricevere informazioni sul proprio benessere psicofisico.

Genitori e docenti: per confrontarsi sulle domande “scomode” dei piccoli.

Donne che vivono la menopausa: per riscoprire il corpo e le emozioni.

Terza età: per leggere la propria sessualità ed emotività alla luce dei cambiamenti fisici,
psicologici e di vita.

Persone affette da disabilità fisica e/o intellettiva: per vivere tutte le sfaccettature della
sessualità senza vergogna e comprendere le sensazioni del proprio corpo.




Il progetto verrà costruito insieme con l’ente, l’associazione, la scuola, il privato che lo richieda,
partendo dalle esigenze dei destinatari e del territorio. Sarà possibile realizzare, anche con il
supporto di altri professionisti che si occupano di sessualità, corsi di formazione ed incontri con
modalità interattiva, materiale didattico, campagne di informazione.

Per maggiori informazioni